Cerca
Close this search box.

Depp Vs Heard: recensione della docu-serie Netflix sul processo

recensione docu-serie netflix depp v heard

SCHEDA DELLA SERIE

Titolo della serie: Depp Contro Heard
Genere: Docu-serie
Anno: 2023
Durata: 145 min.
Regia: Emma Cooper
Cast: Johnny Depp, Amber Heard
Montaggio: Alistair Martin, Jonathan Stenton, Eloise Vanstone
Colonna Sonora: Edmund Butt
Paese di produzione: Regno Unito

Dal mese di Agosto 2023 è disponibile in streaming su Netflix la nuova docu-serie “Depp Contro Heard“, incentrata sul processo per diffamazione fra i due attori ex-coniugi, divenuto in poco tempo un fenomeno mediatico globale. La docu-serie, diretta da Emma Cooper, è composta da tre episodi e mostra i dettagli salienti di quanto avvenuto in tribunale durante lo scontro fra Johnny Depp ed Amber Heard. Le puntate si concentrano anche sulla prospettiva e il giudizio “social” dell’evento. Di seguito la trama e la recensione della nuova docu-serie Netflix Depp Contro Heard.

La trama di Depp Contro Heard, diretta da Emma Cooper

La nuova docu-serie Netflix Depp Contro Heard riassume in tre brevi episodi la battaglia in tribunale fra gli attori ex-coniugi Johnny Depp ed Amber Heard. Il loro matrimonio sarebbe terminato dopo le accuse di quest’ultima, che incolpavano il marito di violenza domestica. Johnny Depp ha sempre rigettato le accuse della moglie, dichiarandosi innocente e accusando a sua volta Amber Heard di calunnia e diffamazione. Ciò nonostante la reputazione dell’attore ha subito un duro attacco, che ha influenzato e distrutto in parte la sua carriera a Hollywood.

 

Solo di recente, infatti, Depp è tornato a recitare davanti alla macchina da presa nel nuovo film Jeanne Du Barry – La Favorita Del Re, dopo qualche anno di assenza. La lunga lotta legale, iniziata nel 2016 si conclude nel 2022, con il noto processo in Virginia che ha visto Johnny Depp trionfare su Amber Heard. Tuttavia, più che sul processo in quanto tale, la docu-serie si concentra nello specifico sull’anomala percezione e diffusione mediatica dello stesso. Le diverse fasi della causa vengono infatti intervallate a spezzoni di dirette e commenti social sulla vicenda divenuta virale.

 

Mentre in tribunale si ripercorre la storia del matrimonio fra la Heard e Depp, mostrando e raccontando nei dettagli una relazione indubbiamente tossica, lo spettatore ha modo di ascoltare anche il giudizio del pubblico mediatico, che si è rivelato generalmente propenso a difendere il famoso interprete di Jack Sparrow piuttosto che la sua ex-moglie, al punto da lanciare il movimento online “Justice For Johnny Depp“. La docu-serie pone dunque un’interessante domanda: che ruolo hanno avuto i social in questa situazione? Potrebbero aver influenzato la decisione finale della giuria e il verdetto del giudice?

recensione serie netflix depp v heard

La recensione di Depp Contro Heard: la docu-serie Netflix 

La nuova docu-serie Netflix Depp Contro Heard si concentra in particolare sulla disinformazione mediatica della causa legale in cui sono coinvolti Johnny Depp ed Amber Heard. Viene evidenziata più volte l’intromissione da parte dei fan all’interno di dinamiche che dovrebbero essere private. In questo caso il supporto mostrato a una celebrità diventa infatti quasi un’ossessione, una forma di stalking. Non solo, addirittura il discutere del processo in atto cavalcando l’onda (ad esempio nelle live su youtube) diventa per molti una vera e propria forma di guadagno.

 

Più che di vero interesse sui fatti, quindi, si potrebbe parlare piuttosto di sfruttamento. Questo scaturisce dalla scelta del giudice di permettere la presenza di telecamere in aula, cosicché l’evento possa essere trasmesso nella sua interezza. Così facendo, gli spettatori si sentono implicitamente autorizzati a commentare e giudicare quanto mostrato in diretta. Il fenomeno diventa a quel punto inarrestabile. La docu-serie non sceglie una parte per cui tifare. Si limita, anzi, a narrare gli avvenimenti con neutralità. E questa risulta una decisione poco coraggiosa.

 

Percepiamo  l’asprezza del pubblico sui social, nettamente a favore dell’attore Johnny Depp, immolato a vittima degli eventi. Lo stesso pubblico che denigra al contrario Amber Heard, additandola come bugiarda ed ipocrita. La verità probabilmente è molto più semplice, in quanto partner coinvolti in una relazione tossica, sono entrambi vittima di violenza ed entrambi carnefici. L’ultimo episodio getta interessanti spunti di riflessione sull’influenza che questo processo (divenuto virale) avrà sull’ideologia comune, particolarmente sulla percezione del movimento hollywoodiano del Me Too.

 

Un’altra donna esce sconfitta da una causa legale, a favore di un uomo scagionato. Non è di certo il primo caso di cui si legge. Questa concezione va al di là della presunta ragione (o meno) delle parti coinvolte, bisogna specificarlo; mina piuttosto l’eterno precario equilibrio sociale. Ma, di nuovo, allo spettatore della serie tutto ciò appare come una informazione ovvia. Cosa ne pensa chi ha ideato la docu-serie? Qual era il suo scopo? Sfortunatamente, non ci è dato saperlo. A quanto pare, bisogna accontentarsi di un apatico e impersonale riassunto degli eventi.

 

Ad ogni modo, per chi è interessato al mero processo legale, la docu-serie fornisce il giusto (ma non completo) quantitativo di materiali d’archivio e le testimonianze delle due parti coinvolte. Vengono raccontati diversi momenti della vita dei due attori, tra cui un focus sull’infanzia complicata di Johnny Depp e il suo passato burrascoso in cui  utilizzava droghe. La storia viene ricostruita tramite il montaggio in una sequenza lineare di avvenimenti e facilmente comprensibile allo spettatore. 

Voto:
2.5/5
Christian D'Avanzo
0/5
Gabriele Maccauro
1.5/5
Bruno Santini
2/5
0,0
Rated 0,0 out of 5
0,0 su 5 stelle (basato su 0 recensioni)
Voto del redattore:
Data di rilascio:
Regia:
Cast:
Genere:

PRO